filosofia e medicina indiana, ayurveda

Massaggio ayurvedico: non solo un massaggio

17 Nov , 2010  

massaggio ayurvedico, sacro evento

L’undicesima e ultima parte sul Massaggio Ayurvedico pubblicata sul sito del Maestro Sirio.
Quando massaggiamo una persona dovremmo essere consapevoli che stiamo officiando nel Santo Tempio di Dio.
Se è vero che il Macrocosmo è reperibile all’interno del microcosmo di questo corpo umano, se non si sono sbagliati coloro che hanno affermato che il corpo umano è il vero Tempio di Dio in cui Egli stesso risiede, allora possiamo tranquillamente affermare che il massaggio è il rituale più sacro poiché stiamo effettivamente officiando in questo santissimo Tempio per liberarlo da tanti veleni (le tossine), da vari arbusti spinosi: molteplici rigidità, tensioni e blocchi di energia che si verificano in varie parti del corpo.
In sostanza attraverso il massaggio noi partiamo dal corpo per influenzare tutto il resto.
Se è vero che molti dei nostri disturbi sono di origine psicosomatica, è anche vero che molti di questi sono di origine somaticopsichica.
Vale a dire: le nostre ristrettezze mentali, tensioni e rigidità si cristallizzano nel tessuto muscolare, nella voce, creando un certo tipo di postura, di andamento, di modo di parlare ecc…
Queste si accumulano maggiormente in certi siti del nostro corpo che nella maggioranza dei casi equivalgono alla zona della cervicale (trapezio incluso) e l’addome: nido di molti malesseri emozionali.
Attraverso il massaggio noi agiamo con varie tecniche su tutto l’organismo insistendo maggiormente sulle parti summenzionate.
Di conseguenza, codeste rigidità e malesseri vengono sciolti e scacciati dai vari tipi di manipolazioni impiegati, cosa che va a beneficiare la persona anche a livello psichico giacché si sentirà maggiormente rilassata e libera da varie angosce e pensieri ossessivi che normalmente si affollano nella sua mente.
Inoltre vi sono pure certi malesseri puramente fisici: dolori reumatici, artritici, infiammazioni di varia eziologia, malattie cardiache o del sistema nervoso che creano, volenti o nolenti, uno stato di agitazione interna, malessere e dolori diffusi di natura e intensità varia.
A lungo andare tutti questi vanno ad influenzare la nostra psiche, il nostro umore, le nostre emozioni, per cui, dopo un po’, ci troviamo a sviluppare malesseri psichici o emozionali di varia natura.
Con il massaggio contribuiamo a migliorare e talvolta si risolvono, queste problematiche, per cui le persone si trovano a vivere una vita più piacevole, più motivata e con una sensazione di soddisfazione e benessere.
Ho alcune clienti che spesso affermano che non lascerebbero mai, per nessun motivo, l’appuntamento col massaggio poiché è diventato il momento più piacevole della loro vita.
Vuol dire curarsi di un’altra persona che cerca e spera di trovare nel trattamento qualcosa che la o lo faccia stare bene, che si liberi per un po’ di tempo dai soliti pensieri riguardanti le problematiche dell’esistere: il lavoro, le relazioni, i figli e, come per chi va in un luogo di culto a pregare per liberare la mente dai soliti pensieri, si recano a fare il massaggio nella speranza di pacificare la mente, rilassare il sistema nervoso ed esperimentare il benessere che le manipolazioni del massaggio procurano, se le si fà bene e si ha un buon tocco.
Quando si svolgono le manovre di sfioramento, di pressione, di sfregamento, di impasto dei muscoli, i picchettamenti ecc., il corpo di libera dal malessere nello stesso modo in cui liberiamo una spugna dai liquidi sudici di cui può essere impregnata.
Infatti è proprio così: il corpo sperimenta un grande piacere nell’essere spremuto giacché è proprio come una spugna che ha bisogno di liberarsi di tossine, ristagni di liquidi, tensioni e malesseri che immancabilmente assorbe nella vita di tutti i giorni.
Oppure, si potrebbe dire che è come un vasca d’acqua (il corpo si compone di acqua all’incirca al settanta per cento), e quest’acqua ha bisogno di essere dinamizzata sennò ristagna e imputridisce. Le spinte, spremiture e pressioni del massaggio dinamizzano questo liquido e stimolano lo scarico delle tossine che vengono trasportate dalla circolazione venosa e linfatica nel T.G.I.
Per cui, se il terapeuta possiede le qualità eccellenti di una persona positiva, buona, amorevole e altruista, oltre al beneficio proprio del massaggio in quanto agli effetti prodotti dalle manipolazioni, ci sarà anche un trasferimento di energia, di onde pensiero, di parole ispirate e sagge che nell’insieme contribuiranno a cambiare il carattere dei propri clienti.
Questi, ispirati dall’esempio e da ciò che traspare dal terapeuta cominceranno a pensare ed agire in modo diverso e a tempo debito dichiareranno, da se stessi, che da quando fanno il massaggio la loro vita è cambiata di tanto in meglio: che il loro carattere è migliorato, che sono diventate indifferenti e distaccate da problemi che prima le facevano soffrire tantissimo, che si sentono più padrone delle loro emozioni e in generale più stabili.
Perlomeno, questo è ciò che accade a me.
Ho vari clienti che vengono a fare il massaggio tutte le settimane da molti anni e spesso mi dicono che il loro carattere è cambiato notevolmente: che le cose che prima li, o le sconvolgevano, ora non li sconvolgono più, o li sconvolgono molto meno, che sono più equilibrati e distaccati da fatti, cose e persone.
In sostanza se la prendono di meno per tutto e sanno sorvolare e soprassedere con maggiore facilità per qualsiasi situazione.
E in sostanza, questo è lo scopo della vita e dell’evoluzione umana: arrivare ad essere così padroni di se stessi, delle proprie emozioni, dei propri istinti che non ci tocca più niente. Una roccia, un equilibrio a prova di bomba che non viene scosso da niente. Una fiducia completa nella vita, nella certezza che “Va tutto bene”, che la vita ci vuole far crescere e migliorare e ci invia qualsiasi evento per farci evolvere secondo il bisogno più immediato del momento.
Che le disgrazie non esistono, che in realtà sono tutte opportunità per farci crescere e farci muovere verso l’ideale di perfezione spirituale che è sempre stato al primo posto nella vita di tutti i grandi saggi.
“Noi ci troviamo continuamente di fronte a tutta una serie di grandi opportunità brillantemente travestire da problemi insolubili.”
Frase eccezionale intrisa di grande saggezza e profondità. La legge alla base della vita è il movimento, l’evoluzione, il liberarsi da schemi e mentalità stereotipate.
Il sapersi rinnovare continuamente movendoci verso il compimento del destino di questa particolare esistenza.
Quando ci accade qualcosa che dapprima ci può sembrare una disgrazia, dovremmo essere saggi, coraggiosi e pazienti, dovremmo cercare di capire che lezione ci vuole insegnare la vita tramite la situazione appena emersa nella convinzione che, appunto, le difficoltà sono opportunità (in giapponese per questi due termini si usa la stessa parola) per crescere e migliorarsi. Più aspra è la difficoltà, maggiore è l’opportunità.
I grandi medici che hanno inventato nuovi sistemi di cura, nuove terapie e metodi di cura spesso lo hanno fatto passando attraverso situazioni estremamente difficili, malattie gravissime o grandi crisi con i metodi della medicina ufficiale, per cui sono stati spinti a cercare una risposta alle loro domande e bisogni inquietanti.
Infine han trovato la loro strada, sono stati ispirati e illuminati su certi fatti e leggi che gli hanno portati a creare un loro efficace metodo.
Se osserviamo la vita dei grandi filosofi, mistici e santi scopriamo che il profondo cambiamento nella loro vita, che li ha spinti ad allontanarsi dal consorzio umano delle pecore di vocazione, è stata una profonda crisi esistenziale, una forte malattia, comunque una forte scossa che gli ha fatto traballare l’esistenza.
Per ritornare al massaggio bisogna comunque dire che quest’effetto benefico sul proprio carattere e modo di essere non è qualcosa che avviene se facciamo un massaggio, o qualche massaggio e via. No, bisogna insistere, farlo con regolarità, allora piano, piano, accadono cose ed esperienze che ci toccano profondamente e ci fan maturare nel carattere e nell’atteggiamento verso i fatti della vita.
Le nostre priorità devono cambiare e questo avviene se incominciamo a scoprire un nuovo campo d’azione.
Infatti deve essere ben chiaro, l’essere umano non può allontanarsi dal proprio campo d’azione abituale se non ne scopre un altro più profondo, significativo e gratificante. L’essere umano cerca innanzitutto il piacere e per potersi allontanare dai piaceri grossolani deve poter sperimentare i piaceri più sublimi ed elevati della vita che vengono quando si stabilisce un contato con il nucleo centrale in noi, la fonte della vita che sta al centro del nostro essere.
Ebbene, il massaggio svolge questo ruolo: di scollegare momentaneamente la coscienza dal corpo fisico e dirigerla nel centro di noi stessi.
I muscoli si rilassano attraverso le manipolazioni, tutto scorre meglio: i fluidi e l’energia, le tensioni del sistema nervoso si allentano, i linfonodi producono maggiori linfociti o anticorpi che rafforzano il sistema immunitario, le ghiandole endocrine sono stimolate a produrre maggiori ormoni.
Nell’insieme ne deriva una profondo benessere e un profondo rilassamento delle membra in generale per cui la coscienza si scollega in grado maggiore o minore dal corpo fisico e di conseguenza si hanno belle sensazioni, belle emozioni, ispirazioni e chiarezza mentale.
Ci sono persone che vengono talvolta a fare il massaggio con la mente assillata da un problema tortuoso che è venuto a sorgere magari in famiglia o sul posto di lavoro: coi colleghi o il direttore.
Ebbene, all’inizio me ne parlano perché, in genere, vogliono sentire il mio parere al riguardo.
Io esprimo la mia opinione cercando di dare il saggio consiglio obiettivo secondo il caso e la persona che mi sta davanti. In genere già questo fa una notevole chiarezza nella loro mente e nello loro emozioni, poi si procede col massaggio e ora della fine mi ringraziano profusamente per essere riusciti a scollegarsi completamente da quel grosso problema e a vederlo, ora, in modo molto più obiettivo e reale.
Spesso lo vedono proprio come un’opportunità per poter cambiare radicalmente una situazione.

Fonte | www.santbaniashram.it

Related Posts with Thumbnails

yemaya su Facebook

, , ,


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


SEO Powered By SEOPressor