astronomia,news

Luna: eclissi parziale proprio il 31 dicembre 2009

30 Dic , 2009  

Il fenomeno sarà visibile in Europa e toccherà il suo massimo alle 20.25. A raccontarne i dettagli all’Adnkronos l’astrofisico Gianluca Masi.
Chi si perderà l’evento potrà rifarsi il 15 giugno del prossimo anno.
Il 2009 si chiuderà con un’eclissi parziale di Luna, visibile in Europa. Domani, prima di sedersi a tavola per il cenone di fine anno, quindi, i curiosi potranno volgere lo sguardo all’insù per scrutare il fenomeno che porterà all’oscuramento dell’8% della superficie lunare.

Gianluca Masi, astrofisico, fondatore e responsabile del progetto Virtual Telescope (http://www.virtualtelescope.it) e curatore scientifico del Planetario di Roma spiega “Domani  alle ore 20 e 25 circa vi sarà il momento massimo di un’eclissi parziale di Luna, che suggellerà così un 2009 che le Nazioni Unite e l’Unesco hanno designato come ‘Anno Internazionale dell’Astronomia’ per celebrare i 400 anni (1609-2009) dalle prime osservazioni telescopiche del cielo. La Luna sarà piena per la seconda volta in questo dicembre, dunque una ‘Luna Blu’, come si usa dire nella tradizione anglosassone. Gli inglesi – infatti – utilizzano l’espressione ‘Once in a blue moon’ per dare l’idea di un evento assai raro come lo è, appunto, avere due lune piene nello stesso mese. Una ricorrenza che si verifica in media ogni due anni e mezzo”.
“Per quanto la prossima eclissi
– dice Masi – anche se non sarà paragonabile allo spettacolo di una eclissi totale, varrà senza dubbio la pena dare un’occhiata, meteo permettendo. L’eclissi inizierà verso le 18 e 20 di domani 31 dicembre, quando il nostro satellite entrerà nella penombra della Terra, a prima vista senza variazioni apprezzabili. Con il trascorrere dei minuti, il lembo sud della Luna sembrerà scurirsi gradualmente e alle 19 e 50 circa vi sarà l’ingresso del satellite nell’ombra della Terra. La fase massima sarà intorno alle 20 e 25, quando circa l’8% della Luna sarà oscurata. Da questo momento, inizierà l’uscita, con abbandono dell’ombra verso le 20 e 50 e la definitiva conclusione con l’uscita dalla penombra alle 22 e 30 circa, in utile anticipo – scherza l’astrofisico – sul momento clou dei festeggiamenti di fine anno”.
“Per osservare il fenomeno
– racconta Masi – basterà guardare la Luna ad occhio nudo o magari con un modesto binocolo: si tratta di uno di quei fenomeni che non richiedono di certo strumenti evoluti, a dimostrare come molto del cielo sia accessibile già al semplice sguardo, nonostante l’inquinamento luminoso che ha spazzato via dalle città numerose meraviglie legate al firmamento”.
“Un’eclissi di Luna”  spiega “si verifica quando Sole, Terra e Luna sono allineati, con il satellite che ‘s’infila’ dentro il cono d’ombra della Terra. La bontà dell’allineamento determina il tipo di eclissi, parziale o totale (quest’ultimo quando la Luna entra completamente nell’ombra del suo pianeta). In caso di condizioni meteorologiche favorevoli – sottolinea l’astrofisico – lo staff del progetto Virtual Telescope effettuerà alcune riprese del fenomeno, che verranno poi condivise su web”.

Fonte: http://www.adnkronos.com/IGN/

Related Posts with Thumbnails

yemaya su Facebook

, , ,


I commenti sono chiusi.


SEO Powered By SEOPressor