astrologia e numerologia

Inizia oggi l’anno Tigre di Metallo per l’astrologia tibetana

17 Dic , 2009  

impermanence_sogyal_rimpoce

Oggi 17 dicembre 2009 è iniziato l’anno astrologico tibetano basato sulle lunazioni e che si ritrova nell’astrologia degli elementi o Jungtsi (‘Byung-rtsis) l’antica arte di calcolo e di interpretazione dei fenomeni celesti attraverso i 5 elementi (legno = shing, fuoco = me, terra = sa, metallo = lcags, acqua = chu)  il ciclo di dodici anni e dei 12 animali, gli otto parkha, i nove mewa.

È stato anche il giorno in cui si è festeggiato il Losar in Ladakh, mentre in Tibet i festeggiamenti del Losar (Lo indica l’anno o l’era, mentre sar traduce il termine nuovo), giorno in cui inizia ufficialmente il nuovo anno secondo il calendario “civile”, sono previsti per il 14 febbraio 2010, anno 2137 per i tibetani.
Siamo appena entranti nell’anno della Tigre di metallo (lcags-pho stag-lo), anche detta tigre bianca.
L’associazione della Tigre con l’elemento metallo viene letta come disarmonica perché l’energia del legno (energia primaria della tigre) alimenta il fuoco aumentandone l’incandescenza fino al punto di fondere il metallo e il metallo, di contro, trasformato di utensili come una sega o un’ascia può distruggere il legno: ecco dunque l’incompatibilità, proprio per questa continua lotta delle energie l’una contro l’altra.
Gli anni della Tigre di metallo non sono anni pacifici, l’ultimo è stato il 1950, segnato dall’invasione del Tibet (iniziata nella parte orientale nel 1949 ed estesa a quella centrale nel 1950) da parte della Repubblica Popolare Cinese e quindi identificato come l’anno della fine di uno stato e della fine del buddhismo tibetano.
I nati nell’anno della Tigre sono coraggiosi, audaci, intelligenti, spesso con una tendenza alla “ruvidità”, non hanno timore ad affrontare rischi ed assumentrsi responsabilità.
Sono generosi e ansiosi di proteggerei più deboli, sempre pronti a “sguainare la spada” per la giusta causa e a farsi promotori dei diritti degli indifesi, parlano sinceramente e im maniera diretta, a volte con tono autoritario.
Sono persone entusiastiche, dinamiche, affidabili e fedeli, a volte vengono fraintese e soprattutto per quanto riguarda la salute hanno la necessità di procrastinare visite mediche, esami ed altro; la loro personalità magnetica emana fascino e carisma, ma la loro innata diffidenza le fa apparire indifferenti, freddi e, soprattutto, ambiziosi.
Questo animale è associato alla buona fortuna, al potere e alla saggezza.
È una polarità yang (maschile), correlata all’elemento legno, alla direzione Est; fra le sue qualità positive vanno ricordate l’energia, l’indipendenza, la lungimiranza, l’ottimismo, la sana competizione, la visione strategica, mentre fra i  tratti negativi emergono l’imprevedibilità, l’impazienza, l’impulsività, l’eccessiva sensibilità alle critiche e una certa irrequietezza comportamentale e caratteriale.
Gli antichi rispettavano il segno della Tigre perché era capace di proteggere la loro casa dai pericoli più temuti all’epoca: fuoco, ladri ed fantasmi.

Marina Marini
Naturopata, Esperta in Discipline Orientali, Cristalloterapeuta, Floriterapeuta, specializzata in Iridologia, Erboristeria, Aromaterapia e Alimentazione naturale

Related Posts with Thumbnails

yemaya su Facebook

, , , ,


I commenti sono chiusi.


SEO Powered By SEOPressor