news

Agora: il film su Ipazia che non vedremo

19 Ott , 2009  

ipazia2

Accompagnato da polemiche, destinato a far discutere, è il film «Agorà», del regista Alejandro Amenabar, un ritratto di Ipazia, matematica alessandrina, inventrice del planisfero e dell’astrolabio.
Ma soprattutto un duro atto d’accusa contro tutti i fondamentalismi religiosi.
Già uscito nelle sale spagnole, previsto per il 26 novembre in quelle israeliane, per il 18 dicembre dovrebbe arrivare anche negli Stati Uniti e, probabilmente, a gennaio prossimo in Francia.
Hanno acquistato i diritti per farlo arrivare sul grande schermo anche a Taiwan, in Thailandia e in Grecia.
In Italia per il momento tutto tace.
I produttori l’hanno guardato con attenzione al Festival di Cannes a maggio, quando era stato presentato fuori concorso.
Poi una lunga pausa di riflessione.
Così lunga e così silenziosa da aver fatto pensare a molti a qualcosa di più di una semplice valutazione dal sapore economico-aziendale.
Sulla rete hanno incominciato a circolare voci sempre più insistenti di pressioni per evitare che il film venisse proiettato nelle sale italiane.
Ad un certo punto, dalle voci si è passati ad una petizione rivolta ai produttori e distributori del film «per provare a voi e ai media che esiste un gran numero di persone» che invece aspettano di vedere il film.
La petizione è passata di sito in sito e di gruppo in gruppo su Facebook.
In pochi giorni ha superato le settecento firme aiutata anche dall’uscita in questi giorni di un libro su Ipazia («Ipazia, scienziata alessandrina», La Lepre edizioni).
«Oggi la chiesa tenta nuovamente l’opera di cancellazione di questa figura scomoda»
, spiega Mario su Facebook per invitare a firmare la petizione.
«Non voglio parlare di censura – aggiunge Jan Klaus Di Blasio, l’autore della petizione – ma deve far riflettere la mancanza di testi sul Neoplatonismo e su Ipazia. Ad esempio, il volume 8 della serie Storia della Filosofia Greca e Romana di Giovanni Reale, Bompiani, l’unico volume non disponibile e dal titolo “Plotino e il Neoplatonismo Pagano».
Ha firmato anche Piergiorgio Odifreddi, matematico, saggista, e soprattutto fiero anticlericale. «La figura di Ipazia è esemplare. Era una matematica, donna di grande cultura, la sua fu la prima battaglia tra scienza e fede. La perse, divenne prima martire della scienza per mano di uomini mandati dal vescovo di Alessandria, Cirillo. Sono trascorsi milleseicento anni ma siamo ancora allo stesso punto».
Il film, infatti, racconta la storia di Ipazia, (Rachel Weisz, l’attrice inglese Oscar per The Constant Gardener), in una Alessandria d’Egitto del IV secolo d.C., provincia remota di un Impero Romano in disfacimento, dove si scontrano tre gruppi religiosi. Cristiani, ebrei e seguaci del culto pagano di Serapide si massacrano a colpi di pietre e coltelli.
A nulla vale la giovane saggezza di questa donna filosofa, matematica, astronoma, che vorrebbe fermarli.
Cristiani cattivissimi, giudei sanguinari, pagani studenti di astronomia trasformati in soldati, si rivoltano l’uno contro l’altro mentre i romani stanno a guardare.
«Le similitudini tra quei tempi lontani e oggi sono molte», aveva ammesso Amenabar alla presentazione a Cannes. «Questo film non è certo contro una o l’altra delle religioni ma contro ogni eccesso, ogni fondamentalismo e ortodossia».
E però i cristiani non ci fanno una gran figura: alla religione di Cristo appartengono i parabolani, i monaci che con una mano danno da mangiare ai poveri e con l’altra scatenano massacri.

Fonte: LaStampa.it – Flavia Amabile – del 7/10/2009

Related Posts with Thumbnails

yemaya su Facebook

, , , , , , ,


I commenti sono chiusi.


SEO Powered By SEOPressor