alimentazione naturale

Sole d’estate: maggiore attenzione alla nostra pelle

13 Lug , 2009  

sole_e_pelle

Curare la pelle attraverso un sano ed equilibrato regime alimentare è possibile, soprattutto nel periodo estivo quando ci sottoponiamo a veri “bagni” di sole che possono incidere negativamente sull’aspetto della nostre cute.
Sappiamo che la pelle è l’organo più esteso del corpo umano, a seconda dell’età varia tra 1,2 e 2 metri quadrati, ma forse non tutti sanno che è anche l’organo più “pesante”, infatti incide tra il 5 e il 7% sul totale del peso corporeo.

La protezione che la cute svolge è di vitale importanza, è una barriera che ci difende dai fattori “esterni” , ci difende a livello immunitario, regola la temperatura corporea, sintetizza la vitamina D tanto per citare i fattori più rilevanti.
È indispensabile per una maggiore tonicità della pelle evitare l’eccesso di grassi in generale ma  garantire, comunque, un sufficiente apporto di due acidi grassi essenziali, quello  linoleico e quello alfa-linolenico; anche un consumo moderato di carne e prodotti a base di carne influisce positivamente sull’aspetto della pelle perché si agisce su un minor lavoro a carico del fegato che conseguentemente ha una benefica ricaduta sulla cute.
L’olio di avocado che essendo ricco di tirosina, sostanza indispensabile per la sintesi della melanina, di vitamina A, C, E e di selenio diventa un amico fondamentale per l’elasticità della pelle; anche l’aloe vera ci può aiutare a mantenere elastici i tessuti cutanei, favorendone una naturale idratazione.
In generale un regime alimentare poco equilibrato sicuramente danneggia la pelle, ma i principali indagati sono sicuramente: alimenti ricchi di zuccheri, elevate quantità di grassi saturi e consumo di prodotti trasformati come pasta, salumi, zucchero, bevande analcoliche e bevande alcoliche.
Alcuni alimenti come latte e prodotti lattiero-caseari, uova, grano, segale, prodotti di panetteria, di pesce e noci possono provocare orticaria ed eczemi mentre, al contrario, grassi insaturi, vitamine, minerali, fibre, frutta,  verdura e un adeguato consumo di olio d’oliva possono migliorare l’aspetto della pelle e contrastare l’invecchiamento.
Frutti di mare, aringhe,  salmone, pesce, zucchine, broccoli, uva, tè verde e addirittura burro, vino rosso e cioccolata sono utili nella salvaguardia della nostra pelle e non dovrebbero mai mancare sulla tavola di chi desidera avere una pelle liscia e giovane; sono soprattutto gli omega 3 presenti nel pesce che permettono all’organismo di produrre sostanze ad azione antinfiammatoria e antiaggregante.
Alimenti ricchi di carotene, come le carote, pomodori, meloni, arance, albicocche e spinaci sono invece più utilizzati in caso di esposizione al sole cercando sempre di non eccedere, infatti  la pigmentazione cutanea è legata alla presenza di  melanina e integrare l’alimentazione con cibi che abbiano la capacità di incrementarne la disponibilità oltre a migliorare l’abbronzatura evitano danni e la proteggono dall’invecchiamento e dalle macchie.
Questi  alimenti, per essere efficaci, dovrebbero essere assunti con regolarità e con un buon anticipo (30-40 giorni) rispetto al periodo in cui si prevede di prendere il sole (naturalmente la loro funzione è di supporto e non può assolutamente supplire alluso di una buona crema solare da applicare durante l’esposizione).
Alcuni alimenti sono utilissimi in caso di eritemi ed arrossamenti cutanei, ovviamente utilizzati come rimedi naturali: patate, mele e cetrioli tagliati in fettine sottili e posti sulla parte arrossata oppure yogurt bianco spalmato e lasciato agire per almeno un’ora ed ancora batuffoli di ovatta imbevuti in foglie di lattuga bollite in acqua, scolate e raffreddate.  
Infine, oltre a quanto già scritto, poche e semplici regole per un’abbronzatura che non danneggi la pelle:

  • non eccedere con l’esposizione diretta al sole, limitarla alle ore nelle quali l’intensità dei raggi ultravioletti è elevata (intorno a mezzogiorno); nelle ore più calde restare all’ombra, indossare indumenti leggeri e proteggere gli occhi con occhiali da sole;
  • scegliere creme e filtri solari con un adeguato filtro di protezione ed usarle sulle parti del corpo costantemente esposte al sole (mani, collo, viso);
  • iniziare con un filtro di protezione solare alto e sceglierne di più bassi solo dopo diversi giorni di esposizione; continuare ad usare prodotti di protezione anche quando si è già abbronzati e utilizzarli anche quando si è in acqua e quando la temperatura sembra più mite perché i raggi UV agiscono in tutte le condizioni.
  • prendere il solo gradatamente e non restare troppo a lungo sdraiati al sole ma approfittare per muoversi, passeggiare e svolgere qualche attività fisica.
  • non usare profumi e deodoranti, possono rendere la pelle più sensibile e provocare scottature, attenzione anche ad alcuni medicinali (consultate il farmacista).

Marina Marini
Naturopata, Esperta in Discipline Orientali, Cristalloterapeuta, Floriterapeuta, specializzata in Iridologia, Erboristeria, Aromaterapia e Alimentazione naturale

Related Posts with Thumbnails

yemaya su Facebook

, , , , , ,


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

SEO Powered By SEOPressor