fiori di bach

Fiori di Bach: classificazione, preparazione e diluizione

18 Gen , 2009  

fiori_di_cherry_plum_prunus-_susino

Per Bach fu importante ricondurre ai 38 rimedi ben 7 gruppi di “ipotesi” psicologiche, alle quali, in seguito, si aggiunse il rimedio di emergenza Rescue Remedy composto da cinque fiori: Star of Bethlehem, Rock Rose, Impatients, Cherry Plum e Clematis.
1. Per coloro che hanno paura
Rock Rose, Mimulus, Cherry Plum, Aspen, Red Chestnut
2. Per chi soffre di incertezza
Cerato, Scleranthus, Gentian, Gorse, Hornbeam, Wild Oat
3. Per coloro che non mostrano sufficiente interesse verso le circostanze attuali
Clematis, Honeysuckle, Wild Rose, Olive, White Chestnut, Mustard, Chestnut Bud
4. Per chi è solo
Water Violet, Impatientis, Heather
5. Per chi è ipersensibile alle influenze e alle idee
Agrimony, Centaury, Walnut, Holly
6. Per chi è sprofondato nell’avvilimento o nella disperazione
Larch, Pine, Elm, Sweet Chestnut, Star of Bethlehem, Willow, Oak, Crab Apple
7. Per chi si preoccupa troppo del benessere altrui
Chicory, Vervain, Vine, Beech, Rock Water
8. Rimedio di emergenza
Rescue Remedy

Preparazione
Le essenze dovrebbero essere di piante “non” coltivate ma cresciute nel loro habitat e colte nelle prime ore del mattino al momento della fioritura secondo uno schema tipico per ognuno dei fiori.
I fiori, poi, vanno adagiati in un recipiente di vetro contenente acqua di fonte ed esposti al calore del sole che trasmette ed infonde le energie e amplifica la forza curativa dei fiori stessi.
Va ricordato però che alcune essenze vanno bollite perché provengono da piante o arbusti più duri.

Diluizione
Dopo aver scelto uno o più fiori (massimo cinque) di ognuno di questi si versano 2/4 gocce in un flacone pulito e si aggiunge acqua e brandy, in un rapporto 2:1, in modo che quest’ultimo agisca come conservante. Si può sostituire con sciroppo d’acero nelle preparazioni destinate ai bambini.
La dose consigliata è di 4 gocce da assumere 4 volte al giorno mettendole direttamente sotto la lingua con il contagocce, oppure diluite in mezzo bicchiere di acqua.
Bach affermò che “Non è importante rispettare con estrema precisione le indicazioni di assunzione, perché nessuno di questi rimedi può causare il benché minimo danno, anche se assunto in grande quantità – sebbene già una piccola quantità sia sufficiente”.
L’unico fattore importante è che vanno presi con regolarità perchè la frequenza della somministrazione è fondamentale per l’esito finale.
L’azione dei rimedi di Bach é lenta e costante, dolce e graduale e la reazione è individuale, i bambini sembrano reagire più velocemente e la durata della cura non dovrebbe superare i tre mesi.

Marina Marini
Naturopata, Esperta in Discipline Orientali, Cristalloterapeuta, Floriterapeuta, specializzata in Iridologia, Erboristeria, Aromaterapia e Alimentazione naturale

Related Posts with Thumbnails

yemaya su Facebook

, , ,


2 risposte a “Fiori di Bach: classificazione, preparazione e diluizione”

  1. matilde ha detto:

    CORTESEMENTE volevo sapere… dove si possono acquistare on line i fiori californiani, quelli dell alaska… tutti i fiori diversi dalle classiche 38 essenze del dr. bach, poichè non è semplice trovarli, attendo con fiducia una risposta di qualcuno che sa darmi con chiarezza una risposta, Matilde.

  2. marina marini ha detto:

    Ciao Matilde,
    non conosco benissimo i Fiori Californiani, ma si possono trovare nelle erboristerie (quelle più fornite) ed anche in internet.
    Non posso aiutarti circa la serietà dei riveditori…
    marina marini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


SEO Powered By SEOPressor